Top 10 teams

Team Logo
1. FC Bulldogs
2. FC Soccer
3. Kapino
4. Reda
5. Bolszewo
6. Orle
7. Gowino
8. Nanice
9. Pieleszewo
10. Ustarbowo

a cura di Augusto Rosati

Vanto speciale per la ciclistica Chies d’Alpago è quello di aver camminato, da trent’anni, in modo parallelo a fianco del movimento mountainbike: come tutti sanno, la nostra Società si è costituita allorquando questo affascinante modo sportivo di utilizzare la bicicletta, da attività spontanea,cominciava a trasformarsi in vera e propria disciplina, riconosciuta ed inserita nelle dinamiche ufficiali delle Federazioni Ciclistiche Nazionali e poi della UCI.

Per entrambi ormai si è superato il traguardo dei primi tre decenni di vita, e da una pur sommaria analisi di risultato, emerge evidente come queste due entità, il mondo MTB e la nostra Associazione, nelle loro ovvie distinte specificità di “missione”, abbiano svolto un ruolo da protagonisti dai risvolti interessanti e certamente impensabili trent’anni fa.

È innegabile infatti che il Mountainbike abbia assunto nel tempo una dimensione sportiva di altissimo livello: il solo fatto che si appresti il prossimo anno ad essere per la settima volta consecutiva appuntamento consolidato nel programma dei Giochi Olimpici è certamente l’elemento più significativo in tal senso. La qualità della sua attività e l’insieme dei suoi eventi, presentano valori assoluti, mai fini a sé stessi o con visuale limitata, sempre indirizzati a creare relazioni e rapporti, reciproci e positivi con le molteplici componenti della Società contemporanea.

Infatti, oltre alla sfera prettamente sportiva, il ciclismo “dalle ruote grasse” ha sempre avuto stretta attinenza con l’area turistica, ambientale, culturale e salutistica del mondo in cui esso stesso si sviluppa e si esprime, facendo sì, aspetto importantissimo, che la sua incidenza, in termini di comunicazione e di immagine, favorisse effetti marcati e significativi.

In un’ottica logicamente più ridotta, è altrettanto inconfutabile che lo stesso giudizio di sintesi sull’operato della ciclistica Chies d’Alpago sia egualmente positivo e significativo. 

Ripercorrendo la sua storia trentennale, emerge un“curriculum vitae”di tutto rispetto, con la realizzazione di uno svariato numero di eventi, dai più modesti, di mero spessore territoriale, a quelli più eclatanti. Tutti comunque con il denominatore comune di essere stati allestiti molto  bene, anzi, senza peccare di immodestia, “al meglio”, come ci è stato unanimemente riconosciuto dall’ambiente sia internazionale che italiano.

A titolo esplicativo, e per non cadere nella retorica di noiose autocelebrazioni, ci limitiamo a ricordare innanzitutto le due splendide edizioni dei Campionati Europei Fuoristrada in terra d’Alpago, quella 2006 e quella 2015, nonché, a partire dal 2001, di ben sei edizioni di Campionati Italiani delle diverse specialità MTB. 

La prima esperienza “tricolore” nel 2001 riguardò il Campionato italiano XCO. Poi undici anni dopo, nel 2012, è stata la volta del Campionato italiano Team Relay (a squadre) e del  Trial, specialità quest’ultima che, sempre in versione “tricolore”, abbiamo riproposto subito l’anno dopo, nel 2013. Infine lo scorso anno nel 2018, sono stati organizzati il Campionato italiano XCO giovanile nonché quello nella specialità Eliminator.

Insomma, tutte iniziative che hanno espresso un coinvolgimento corale della nostra Comunità, all’insegna della più spontanea passione, che, mai dimenticarlo, rappresenta la componente essenziale del più puro volontariato sportivo, evidenziando però, per ciò che riguarda il nostro Sodalizio, “un puro volontariato ed una passione spontanea”, ben amalgamati in un contesto gestionale proposto a livelli elevati di competenza e di managerialità. 

Crediamo di aver contribuito, nel nostro piccolo, alla crescita del nostro territorio, con la preziosa collaborazione delle istituzioni, associazioni, operatori socio-economici che operano all’interno del nostro, pur piccolo, ma attivissimo comprensorio.

 A loro il nostro più sentito grazie!

Ora, sia ben chiaro, il ricco palmares e le grandi soddisfazioni fin qui ottenute non le intendiamo considerare assolutamente un punto d’arrivo, ma, di contro, speriamo siano solo tappe intermedie di un “tour” che, sempre gravitando in questo magnifico contesto ambientale, ci auguriamo possa perpetrarsi negli anni a venire, con la stessa energia e con lo stesso entusiasmo di sempre.

Ed è così da trent’anni.

Energia ed entusiasmo e capacità di sognare stando coi piedi per terra, sono stati finora la nostra “formula magica”, che è comune ovviamente anche a tante altre associazioni,  che vorremmo rimanesse intatta come il primo giorno e, ci auguriamo, possa essere acquisita dalle nuove generazioni; questo è la scommessa più importante che siamo tenuti ad affrontare.

In questo contesto ci apprestiamo (anche se a dir la verità è da un anno che ci stiamo lavorando), dopo 18 anni dalla nostra “prima volta”, ad intraprendere la nuova magnifica fatica di organizzare i Campionati Italiani Assoluti Cross Country e Team Relay. Siamo orgogliosi ed onorati per questa ennesima occasione che viene offerta al Veneto all’interno del nostro territorio, dalla Federazione Ciclistica Italiana. 

Da mesi appunto ci stiamo impegnando per allestire e proporre un evento importante, che abbiamo chiamato Alpago Bike FUNtastic 2019, con lo scopo di dare nuova linfa alla nostra tradizione, e, ovviamente, con rinnovato obiettivo che siano garantite ed assolte le giuste aspettative di tutti coloro che, nel periodo a cavallo della seconda e terza decade di luglio, saranno interpreti, a vario titolo, della tre giorni tricolore in Alpago. 

Ed a tutte ed a tutti i nostri ospiti, preannunciando il nostro impegno di essere costantemente al loro fianco, porgiamo il nostro più cordiale ed amicale benvenuto ed il più sincero augurio che, in questi tre giorni, ciascuno a proprio modo possa sentirsi giusto protagonista.

Contatti

Sponsors & Partners